Presentazione del libro: "Schiavi del clic - Perché lavoriamo tutti per il nuovo capitalismo?"

print-friendly
In collaborazione con
l'Italian Institute for Advanced Studies in Torino 'Umberto Eco' "Scienza Nuova"


"Schiavi del clic

Perché lavoriamo tutti per il nuovo capitalismo?"

Antonio A. Casilli (Faculty Fellow Centro Nexa)

Venerdì 23 ottobre 2020 ore 16:30
(termine: ore 18:30)

ATTENZIONE: L'INCONTRO, CAUSA EMERGENZA DA COVID-19, SI SVOLGERÀ IN MODALITÀ TELEMATICA UTILIZZANDO IL SOFTWARE DI CONFERENCE CALL JITSI MEET
Per chi vorrà partecipare live al seminario sarà possibile accedere alla conference call attraverso il seguente link: https://webinaire.ehess.fr/b/cas-wyq-fqk


CopertinaCasilli

“Schiavi del clic” (Feltrinelli 2020), traduzione italiana di “En attendant les robots” (Seuil 2019, Premio Écrit Social e Gran Premio Protection Sociale 2019), presenta una critica della profezia distopica della “fine del lavoro” nel contesto del trionfo dell’intelligenza artificiale. L’automazione attuale è basata su masse enormi di dati, dati prodotti da esseri umani. Non si tratta di ingegneri né di data scientists, ma di lavoratori precari e invisibili che costituiscono l’esercito industriale di riserva delle piattaforme digitali.

In alcuni casi, questi “operai del clic” non sono remunerati, come gli utenti dei social. In altri, si tratta di cottimisti pagati qualche centesimo, come i micro-lavoratori e i click-farmers nei paesi del Sud globale. In altri casi ancora, sono i precari dell’economia dei lavoretti: dietro la facciata dei servizi di trasporto e di consegna, il lavoro degli autisti di Uber o dei ciclo-fattorini di Glovo consiste principalmente nel produrre dati che "addestrano" algoritmi o migliorano veicoli a guida autonoma.

Per produrre le soluzioni di machine learning servono milioni di lavoratori che preparano i dati, verificano i risultati, e a volte impersonano le intelligenze artificiali stesse, secondo la celebre promessa di produrre della artificial intelligence fatta da Jeff Bezos in occasione del lancio del servizio Amazon Mechanical Turk.

Basandosi su anni di studi della sua equipe all’Institut Polytechnique de Paris e di suoi colleghi membri dell’International Network on Digital Labor, l’autore mostra con ricchezza di esempi, come l’automazione non sia un destino ineluttabile, ma una scelta ideologica che serve per disciplinare una forza lavoro globale sempre più imponente—e in cerca di riconoscimento.


Biografia:

Antonio A. CASILLI è professore ordinario di sociologia alla Telecom Paris, scuola di ingegneria delle telecomunicazioni dell'Institut Polytechnique de Paris. Dal 2007 coordina il seminario "Studiare le culture digitali" all’École des Hautes Études en Sciences Sociales (EHESS). È fra i fondatori dell'INDL (International Network on Digital Labor). Fra i suoi libri, tradotti in diverse lingue: Schiavi del clic (Feltrinelli, 2020); Trabajo, conocimiento y vigilancia (Editorial del Estado, 2018); Against the hypothesis of the end of privacy (con P. Tubaro e Y. Sarabi, Springer, 2014); Les Liaisons numériques (Editions du Seuil, 2010).


Lettura consigliata:

  • Antonio A. Casilli, Schiavi del clic. Perchè lavoriamo tutti per il nuovo capitalismo?, Feltrinelli, Milano, 2020.


Video dell'incontro:


LogoNexaLogoScienzaNuova