76° Mercoledì di Nexa - L'evoluzione del modello di governance di Internet e la trasformazione di ICANN

print-friendly

Beccalli - MilanMercoledì 10 giugno 2015, ore 18-20
Via Boggio 65/a, Torino (primo piano)
Ingresso libero
Webcast live

Come raggiungerci: scarica la mappa in PDF (464 KB) o vai alla nostra pagina dei contatti.

In occasione del 76° Mercoledì di Nexa interverranno Andrea Beccalli (ICANN) e da remoto Stefania Milan (Università di Amsterdam) nel ruolo di discussant.

Il logical layer di Internet svolge una funzione essenziale, ovvero assicurare che le migliaia di reti nel mondo appaiano come una rete globale e unica. ICANN (Internet Corporation for Assigned Names and Numbers) è l'organismo senza scopo di lucro che lo rende possibile attraverso il coordinamento globale del sistema di identificatori unici di Internet attraverso il Domain Name System (DNS).

ICANN è stata creata come organismo privato e indipendente nel 1998 dall'amministrazione Clinton secondo il principio di privatizzazione del DNS. Il suo scopo è quello di assicurare sicurezza, stabilità e resilienza della rete Internet e lo sviluppo del DNS attraverso un modello di governance, multistakeholder, inclusivo, trasparente e secondo il principio di partecipazione egualitaria dal basso di tutte le parti interessate.

ICANN ha svolto le sue attività finora sotto un contratto con l'agenzia dipartimento del Commercio (NTIA - National Telecommunications and Information Administration) per esercitare le funzioni chiave di mantenimento del sistema di identificatori unici (le funzioni IANA - Internet Assigned Numbers Authority).

Nel marzo scorso l'amministrazione USA ha deciso che il momento di completare la privatizzazione del DNS fosse arrivato, preparandosi a rinunciare al rinnovo del contratto con ICANN a termine della sua scadenza il prossimo 30 Settembre 2015, e chiedendo a ICANN di moderare un processo di consultazione globale con tutti gli stakeholder per elaborare una proposta di transizione che risponda ai criteri annunciati da NTIA. Il processo è in corso e procede a tappe serrate verso la transizione delle funzioni chiave del layer logico di Internet dagli USA ad una supervisione distribuita globale multistakeholder. Gli utenti di Internet e la società civile possono partecipare al processo di ridefinizione di un futuro immediato della gestione del DNS. La comunità di Internet sta giocando un ruolo fondamentale nell'assicurare la presenza di controlli e bilanciamenti nel sistema, con particolare attenzione all'accountability del logical layer nei confronti gli utenti.

Biografie:

Andrea Beccalli è attualmente membro dello Stakeholder Engagement Team di ICANN. Le sue responsabilità includono il coinvolgimento nelle attività di ICANN dei governi europei, delle comunità di Internet, degli organi dell'Unione Europea, nonché delle organizzazioni intergovernative con sede in Europa. Prima di entrare in ICANN nel 2013, Andrea ha ricoperto il ruolo di Policy and Advocacy Manager per l'International Federation of Libraries Association and Institutions (IFLA). Ha inoltre ricoperto il ruolo di di Associate Expert presso l'UNESCO's Knowledge Societies Division, Communication and Information Sector.

Stefania Milan è una ricercatrice e attivista esperta di web e società civile. Lavora all’Università di Amsterdam, e ha recentemente ricevuto una borsa da 1,5 milioni di euro del Consiglio Europeo della Ricerca per studiare l’impatto dei big data sulla democrazia. In passato ha lavorato al Citizen Lab dell’Università di Toronto, una hacker hothouse che si occupa di capire come il controllo dei flussi informativi incidano sulla sicurezza di internet e sui diritti umani. É attiva nella difesa dei diritti digitali nell’ambito dell’Internet Corporation for Names and Numbers (ICANN), dove rappresenta gli utenti non-profit, e all’interno della Freedom Online Coalition. É l’autrice di Social Movements and Their Technologies (Palgrave Macmillan, 2013). Nel 2012-13 ha collaborato con il Ministro Francesco Profumo nell’implementazione dell’Agenda Digitale.

Letture consigliate e link utili:

Scarica la versione PDF del comunicato Nexa.