41° Mercoledì di Nexa - Lo stato dell’arte nell’informatica giuridica e il diritto delle nuove tecnologie

print-friendly

manuale-informatica-giuridica
Mercoledì 11 aprile 2012, ore 18-20
Via Boggio 65/a, Torino (primo piano)
Ingresso libero

Webcast live

La rivoluzione informatica sta mutando alla radice principi, concetti e istituti degli ordinamenti giuridici contemporanei, producendo altresì fattispecie inedite e fenomeni del tutto nuovi. Il Manuale di informatica giuridica e diritto delle nuove tecnologie, composto da 23 voci che attestano la rilevanza dei mutamenti in atto, verrà presentato da Massimo Durante, ricercatore in Filosofia del Diritto e Informatica Giuridica presso l'Università di Torino, e Ugo Pagallo, ordinario di Filosofia del Diritto presso l'Università di Torino, e costituirà lo spunto di discussione per questo Mercoledì di Nexa.

Sul piano delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, si tratta di reti, internet e web, con le banche dati, gli sviluppi dell’intelligenza e degli agenti artificiali, oltre alle applicazioni della robotica. Sul piano del diritto positivo, il riferimento va alle specifiche differenze che emergono nei vari settori interessati, come privacy e copyright digitali, diritto penale dell’informatica e informatica forense, amministrazione digitale e processo informatico, sicurezza e commercio elettronico.

Sul piano latamente sociale, basti poi far cenno alle ricadute dei social networks, alle nuove formule di distribuzione dell’informazione e della cultura come le licenze Creative Commons, ai temi della trasparenza, della libertà di espressione online e dell’open data, fino a questioni di paternalismo e possibili derive autoritarie che chiamano in causa i nodi della fiducia in rete e l’odierno dibattito sull’etica del computer. Il dialogo a più voci, avviato con il Manuale, nasce dalla convinzione di fondo che la divisione del lavoro sia in questo caso consigliata dalla straordinaria dinamicità dei processi in corso e dal fatto che siamo soltanto all’inizio di una rivoluzione epocale.

Scarica la versione PDF del comunicato stampa.

Biografie:

Massimo Durante è Ricercatore in Filosofia del Diritto e Informatica Giuridica alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Torino e Dottore di Ricerca in Storia della Filosofia alla Facoltà di Filosofia dell’Università di Parigi IV La Sorbona. Membro di INSEIT, The International Society for Ethics & Information Technology, e della redazione di Filosofia Politica, Il Mulino, collabora con la rivista internazionale Cahiers d’Etudes Lévinassiennes, Verdier. Autore di numerosi articoli in italiano, inglese e francese, ha pubblicato tra l’altro: Il futuro del web: etica, diritto e decentramento. Dalla sussidiarietà digitale all’economia dell’informazione in rete, Giappichelli, 2007; Responsabilità di fronte alla storia. La filosofia di Emmanuel Lévinas tra alterità e terzietà (dir.), Il Melangolo, 2008; “Rethinking Human Identity in the Age of Autonomic Computing”, in M. Hildebrandt & A. Rouvroy (eds.), Law, Human Agency and Autonomic computing. The Philosophy of Law Meets the Philosophy of Technology, Routledge, 2011. La sua ricerca investe il rapporto tra diritto e morale e l’impatto delle ICT su diritto e società.

Ugo Pagallo è ordinario di Filosofia del Diritto alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Torino, faculty del Center for Transnational Legal Studies (CTLS) di Londra, faculty fellow del Centro Nexa su Internet & Società e membro del Gruppo di esperti istituito dalla Commissione Europea DG-INFSO, nel dicembre 2011, per l’impatto sociale della rivoluzione informatica e la “transizione al digitale”. Autore di otto monografie e numerosi articoli in riviste internazionali, la sua ricerca verte sulla teoria delle reti e la robotica, l’etica dell’informazione e alcuni settori del diritto delle nuove tecnologie come la tutela dei dati personali e il copyright digitale.

Letture consigliate:

M. Durante e U. Pagallo (a cura di), Manuale di informatica giuridica e diritto delle nuove tecnologie, UTET 2012