19° Mercoledì di Nexa: Maurizio Ferraris sul mal d'archivio - dalla memoria di carta alla memoria digitale

print-friendly

19° Mercoledì di Nexa
Mercoledì 14 aprile 2010, ore 18-20

Corso Trento 21, Torino (primo piano)
Ingresso libero

Modificato da: Shelving Colapse 2 - by cybrgrl on Flickr - CC BYE' da quando Platone intuì che i dialoghi di Socrate dovessero essere trascritti, andando contro la sua stessa predilezione per la cultura orale, che la scrittura viene considerata come l'unico modo per preservare la memoria. Ora abbiamo tracce in ogni luogo, la carta sta progressivamente cedendo il passo ad altri supporti di registrazione, supporti informatici e diffusi ovunque, nei nostri computer, nei nostri telefonini, nella immensa rete di Internet.

Ma questa moltiplicazione di memorie sta invece inabissando la capacità di durata nel tempo. Sta probabilmente facendo sommergere quella caratteristica propria della carta che ci permette di poter usufruire ancora dei testi che sono stati pubblicati sino ad i giorni nostri. I nuovi supporti, infatti, sono invece fragilissimi perché sempre esposti alla sparizione, per deterioramento e ancor più per il cambiamento degli standard e dei programmi.

La domanda su cosa potrà essere la storia del nostro presente, nel momento in cui tutte le tracce di questa nostra epoca iper-documentata potrebbero scomparire è molto più drammatica di quanto non paia, perché potrebbe non rimanere alcunché. E a ben vedere riguarda non solo la storia, ma la nostra stessa attualità, dal momento che gli oggetti sociali che popolano il nostro mondo (le promesse, le scommesse, il denaro, i ruoli sociali...) non possono prescindere dalle iscrizioni che la cosiddetta società della comunicazione è anzitutto una società della registrazione, e che nulla di sociale esiste al di fuori del testo.

Il docente di filosofia Maurizio Ferraris, dialogando e confrontandosi con i direttori del Centro Nexa, il Prof. Juan Carlos De Martin del Politecnico di Torino e il Prof. Marco Ricolfi dell'Università di Torino, nonché lo staff e i Fellows del Centro Nexa, ci prospetterà quale potrebbe essere lo scenario futuro continuando a non creare degli archivi duraturi nel tempo.

Letture consigliate: